Tossicità della marijuana nei gatti

Molti proprietari di animali domestici vogliono sapere se il loro gatto avrà problemi durante l'inalazione di fumo di seconda mano, mangiando brownies alla marijuana o masticando le foglie della pianta. Mentre diversi proprietari di gatti là fuori pensano che la marijuana sia solo un'altra forma di catnip, è vero che c'è una differenza drastica.

Catnip and Marijuana

Catnip è una pianta che proviene dalla famiglia della zecca. L'erba perenne ha foglie lanuginose, fiori bianchi macchiati di viola e un odore pungente che fa impazzire i gatti quando hanno l'odore e il sonno quando vengono mangiati. La marijuana, d'altra parte, proviene da una pianta chiamata Cannabis Sativa. La sostanza chimica della Cannabis che produce gli stati di coscienza alterati di cui godono gli esseri umani è chiamata Delta-9 Tetraidrocannabinol o THC.

La marijuana viene talvolta prescritta per alleviare il dolore e la nausea dovuti alla chemioterapia nei pazienti con cancro e per alcune condizioni nei pazienti con AIDS. Tuttavia, è ancora discutibile se ci sia qualcosa di benefico nella pianta per gli amici felini. In effetti, si suggerisce vivamente che i gatti non si avvicinino a nessun fumo derivante dall'uso di marijuana o a qualsiasi altro fumo proveniente da sigarette, sigari o pipe.

Come i gatti sono esposti alla marijuana

Il modo più comune in cui i gatti sono esposti alla marijuana è inalando il fumo o ingerendo marijuana essiccata. Sebbene le persone che hanno sperimentato il fumo di erba gatta diventino felici e rilassate, i gatti non dovrebbero essere costretti a 'fumare' alcuna sostanza.

A causa degli effetti cumulativi dell'inalazione di qualsiasi tipo di fumo, è sconsigliabile fumare marijuana ovunque vicino a un gatto, in particolare uno con asma o altre malattie polmonari. È importante essere consapevoli di questo, poiché gli umani sono in grado di prendere decisioni educate su argomenti come questi, mentre i gatti non lo sono.

In alcuni casi, i gatti possono mordicchiare le foglie e / o i germogli della pianta di marijuana in crescita. Gli umani possono anche dare da mangiare ai loro gatti biscotti o biscotti fatti con la marijuana. Questo è un doppio danno per il gatto, poiché i brownies e / oi biscotti possono contenere anche cioccolato, che è tossico per i gatti da solo.



Sintomi

Secondo l'American Society for the Prevention of Cruelty to Animals (ASPCA), il tuo gatto può provare estrema sonnolenza o eccitazione, ipersalivazione, pupille dilatate o bassa pressione sanguigna. Ci possono anche essere casi di bassa temperatura corporea o addirittura morte (anche se è raro). Ulteriori sintomi osservati più comunemente includono:

  • Uncoordination, cadere
  • Depressione, a volte alternata a agitazione o ansia
  • vomito
  • Bradicardia (battito cardiaco lento)
  • Convulsioni, a volte coma

Se il tuo gatto mostra uno dei sintomi sopra indicati, dovresti portarlo dal veterinario il prima possibile.

avvertimento

  • Se hai motivo di credere che il tuo gatto sia stato esposto al fumo di marijuana o abbia ingerito marijuana in qualsiasi forma, è importante menzionarlo al veterinario. Il trattamento rapido può migliorare i sintomi più gravi e persino salvare la vita del tuo gatto.

Marijuana medica per condizioni dolorose

L'American Veterinary Medical Association (AVMA) pubblica numerosi articoli sui trattamenti della marijuana e sui programmi di monitoraggio dei farmaci per animali. Nel 2017, i membri della Camera dei delegati di AVMA hanno esortato l'Associazione a sviluppare politiche e linee guida sui trattamenti della marijuana presso il Forum di informazione veterinaria. Uno degli argomenti discussi includeva l'aumento dei casi di tossicità. Delegati come il Dr. Dick Sullivan hanno incoraggiato ulteriori ricerche da svolgere e per l'associazione nazionale di scrivere o presentare una petizione alla FDA al fine di affrontare i problemi di marijuana ai clienti.

Un articolo pubblicato nel giugno 2013 affrontava la marijuana veterinaria e i proprietari di animali domestici che stanno cercando di legalizzare la marijuana per i sintomi dolorosi della malattia. L'articolo citava una donna che possedeva un cane labrador retriever di 12 anni che aveva un tumore della milza metastatizzato al fegato e ai polmoni. Sfortunatamente, al cane erano stati dati due mesi di vita e il tramadolo dato per il dolore non stava facendo il lavoro. Naturalmente, il povero cane era ovviamente dolorante e completamente inattivo.

Poiché la California ha legalizzato la marijuana per l'uomo, il proprietario del cane è stato in grado di acquistare una tintura di glicerina di marijuana venduta come medicinale per animali domestici nei dispensari di marijuana medica autorizzati a Los Angeles. Il miglioramento dell'attività del cane e l'attenuazione del dolore era tale che il proprietario dell'animale domestico raccomandò il farmaco ad altri proprietari di cani.

alternative

Nelle stesse circostanze, è comprensibile che molti proprietari di animali domestici non esiterebbero a somministrare marijuana medica ai propri gatti se fosse disponibile nel loro stato. Pertanto, ci devono essere più ricerche e medicine disponibili per i gatti che soffrono di dolore.

Fino a quando non è legale per i veterinari prescrivere Cannabis agli animali domestici, non avranno l'autorità per prescrivere il farmaco. Il consumo eccessivo di THC può anche creare gravi rischi per la salute nei gatti. Tuttavia, i trattamenti a base di canapa ricchi di cannabidiolo (CBD) possono aiutare. Con ulteriori ricerche, è possibile che ci sia un dosaggio che può aiutare i gatti con condizioni come la malattia infiammatoria intestinale (IBD), pancreatite, artrite, asma e cancro.

Ci sono vitamine e oli di canapa che possono fungere da farmaco o integratore per il tuo gatto. Inoltre, ci sono veterinari olistici e integrativi che possono lavorare con te per trovare il prodotto giusto per il tuo gatto.